2.814 views

Intitolata una stanza del convento dei cappuccini a padre Federico Bonanno

29 dicembre 2009

20122009167Una stanza del convento dei cappuccini è stata dedicata a padre Federico Bonanno, guardiano dello stesso convento per diversi anni, scomparso due mesi fa. La decisione è stata presa dal consiglio della Fraternità francescana che ha scelto una stanza simbolica del convento: quella attigua alla radio e dove, in pratica, la Fraternità stessa è nata.

Nella stanza sono stati affissi un Crocifisso di San Damiano, una foto di padre Federico (fornita gratuitamente da Renato Gattuso), una targa con il suo nome e un’altra con una sua frase benedicente. “Un modo per tenerlo sempre presente nei nostri incontri”, afferma il ministro della Fraternità Francescana, Giovanni Mirabile. Alla cerimonia di intitolazione erano presenti il sindaco, Vitale Gattuso, fra’ Salvatore Zagone, definitore dei cappuccini della Provincia di Palermo, tutto il consiglio della Fraternità, e il consigliere comunale Francesco Scaglione. L’iniziativa è stata curata dall’Ordine francescano superiore di Castronovo e ha ricevuto il sostegno dei frati cappuccini che hanno anche ristrutturato la stanza. (Nella foto scattata da Franco Giordano, un momento della cerimonia).

Articoli Correlati

  • I quarantenni festeggiano insieme Tutti i nati nel 1969, circa una quarantina, si sono ritrovati insieme per festeggiare il traguardo dei “primi 40 anni”. Un incontro che è iniziato con la partecipazione alla messa nella chiesa madre. A celebrarla il parroco, don Onorio Scaglione, che ha ricordato loro come arrivare a 40 […]
  • 5° Anniversario della Morte di Padre Federico Bonanno Sabato 1 Novembre il L'amministrazione Comunale in collaborazione con l'associazione Kassar e la Fraternità Francescana Santa Chiara sono state protagoniste della commemorazione del sempre compianto Padre Federico Bonanno. A dir la verità i veri protagonisti, dopo la messa […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *