1.930 views

21 MARZO 2014, AL “ GIARDINO DELLA MEMORIA “ PER RICORDARE GIUSEPPE DI MATTEO.

25 Marzo 2014

Studenti di diversi Comuni della Provincia di Palermo, convocati dal Centro Studi Parlamento della Legalità, per dedicare a Giuseppe Di Matteo il primo fiore di Primavera.

Il 21 marzo 2014 a San Cipirello arriva la Primavera e le coscienze si risvegliano, arrivano diversi pullman di studenti provenienti da Castronovo di Sicilia, Carini, Camporeale, Monreale,Palermo, ovviamente studenti anche da San Giuseppe Jato e San Cipirello per celebrare la Giornata Nazionale della Legalità e riflettere sul tema “Legalità E’ Libertà”.
Arrivano tutti alla sede del Parlamento della Legalità (via Roma ) dove sono accolti dal Presidente Nicolò Mannino, dai suoi collaboratori e dall’assessore alla PI di San Cipirello. Dopo una breve visita alla Sede del Centro Studi , dove i ragazzi hanno potuto vedere i lavori di tantissimi giovani , è seguito un intenso momento di riflessione in Chiesa. Poi i ragazzi prendono un fiore (il primo fiore di Primavera) e ci rechiamo al “Giardino della Memoria” dove i carnefici della mafia hanno ucciso e sciolto nell’acido il piccolo Giuseppe Di Matteo. E’ stato un momento forte, senza dubbio educativo, dove, oltre le chiacchiere e le prediche, i nostri studenti hanno visto l’orrore e cosa la mafia è capace di fare.

Il 21 Marzo, primo giorno di primavera, GIORNATA NAZIONALE della MEMORIA e dell’IMPEGNO per ricordare tutte le vittime della mafia, giornata in cui tutta l’Italia è scesa in piazza per testimoniare che le mafie sono l’orrore del nostro bellissimo Paese. Con grande ammirazione ho visto l’adesione dei nostri ragazzi delle quinte elementari , che hanno partecipato con impegno e responsabilità al consueto appuntamento con il Parlamento della Legalità, per testimoniare con la loro presenza e compostezza, e con il loro entusiasmo, ad una giornata bella ed intensa, per ritrovarsi con altri giovani e restare uniti per dire no ad ogni forma di mafia. La mattinata è proseguita a San Giuseppe Jato, dove i ragazzi hanno potuto visitare il luogo in cui il piccolo Giuseppe di Matteo, figlio del collaboratore di giustizia Santino Di Matteo, è stato strangolato e poi sciolto nell’acido, posando un fiore con dei biglietti, dove i ragazzi hanno scritto le loro riflessioni e i loro pensieri, sul letto in cui il piccolo Giuseppe stava nei giorni di prigionia. Tanti di questi toccanti biglietti li riporteremo qui sotto, parole che danno tutto il senso a questi momenti di crescita ricchi di valori vissuti dai ragazzi che, ci auguriamo, tramanderanno. Ad accompagnare i ragazzi in questa toccante esperienza le maestre, Giusy Allenza, Rosalia Lino, Giovanna Carruba , Irene Lombino e io, che ho subito espresso la volontà di partecipare ritenendolo un compito di responsabilità ,ma allo stesso tempo di grande privilegio, per la meravigliosa sintonia di interagire con i giovani della nostra scuola e costruire con loro momenti che hanno un grande valore formativo. Noi dell’Amministrazione abbiamo da anni a cuore la formazione dei nostri giovani alla cultura della legalità e ai valori per una cittadinanza responsabile,apprezzando e incoraggiando queste iniziative:siamo con voi ragazzi e insegnanti e vi incoraggiamo a non mollare !! Solo la cultura e l’impegno comune a partire dall’educazione dei più piccoli sin dai primi anni di scuola, possono sconfiggere l’indifferenza, il qualunquismo e portare a una reale e congiunta lotta a tutte le mafie.Come assessore alla PI voglio seguire con attenzione il progetto formativo culturale intrapreso dal nostro Istituto Comprensivo, che sta producendo risultati concreti e positivi sia nel mondo scuola che in tutto il nostro territorio, anche con piccole iniziative come queste.

Ass. alla Pubblica Istruzione

Marisa Gentile

 

foto 4

foto 3

foto 2

Di Matteo2

I lavori delle classi quinte delle scuole elementari

foto 1

 

 

 

 

 

 

Di Matteo3

I lavori delle classi quinte delle scuole elementari

Di Matteo1

I lavori delle classi quinte delle scuole elementari

foto 1 foto 2 foto 3 foto 5

 

 

 

 

 

 

 

 

Articoli Correlati

  • Finanziato un trenino turistico, in arrivo 160 mila euro Un trenino turistico girerà per le vie del paese. Il Comune guidato da Vitale Gattuso, ha ricevuto, infatti, un finanziamento di 160 mila euro dal Gal Sicani attraverso la misura 313 del Psr (“Incentivazione di attività turistiche”) che permetterà di acquistare il mezzo gommato da […]
  • Approvato il Conto consuntivo 2009 Nella seduta dello scorso 28 giugno il Consiglio Comunale di Castronovo ha approvato il rendiconto della gestione 2009, con i voti del solo gruppo di maggioranza. L’opposizione, infatti, non ha partecipato alla votazione, producendo un documento col quale ha mosso delle critiche […]

Comments are closed.